AVANTI!

Avanti! Giornale socialista, fondato a Roma nel 1896. Soppresso dal fascismo nel 1926, riprese le pubblicazioni in Francia con il titolo di Nuovo A. (dal 1934). In Italia riapparve clandestinamente nel 1943 e, dopo la liberazione di Roma, in edizione quotidiana come organo del PSIUP. Nel 1947 divenne l’organo del PSI. In seguito allo scioglimento del partito ha cessato le pubblicazioni (1993). Fonte Treccani

 

AVANTI! Giornale del Partito Socialista. Anno XXVI n.182. Martedì 1 agosto 1922. Sfoglia e leggi il quotidiano
Lavoratori: incrociate le braccia. L’alleanza del LAvoro fa appello agli operai delle industrie, dei campi, dei servizi pubblici pewr lo sciopero generale nazionale in difesa delle organizzazioni di classe. Un appello per i prigionieri politici di guerra. Importante vittoria massimalista al Congresso socialista laziale.

AVANTI! Giornale del Partito Socialista italiano di Unità proletaria. Edizione romana. Supplemento straordinario al n.6. 19 ottobre 1943. Sfoglia e leggi il quotidiano
La guerra antinazista è guerra del popolo! il re e Badoglio non hanno il diritto di esserne a capo. LA risposta dei partiti antifascisti. Unità proletaria. I patti di unità d’azione col Partito Comunista e col Movimento Cristiano Sociale

AVANTI! Giornale del Partito Socialista italiano di Unità proletaria. Anno 49 – Nuova Serie – Numero 3. Sabato 28 aprile 1945. Sfoglia e leggi il quotidiano
Tutti i poteri alle forze democratiche. Il C.L.N.A.I. solo organo di governo. La Germania non esiste più. Mussolini arrestato, anche Pavolini e Farinacci? Da Trieste a Milano durante i giorni dell’insurrezione nazionale. Una Brigata Matteotti dà battaglia e cattura cinquecento tedeschi.

I commenti sono chiusi.