Perché GIANO PH

GIANO Public History
Periodico dell’Associazione di Promozione Sociale GIANO Public History

Registrato presso il Tribunale di Roma Registro Stampa n. 7 del 25/01/2018 ISSN 2612-3592

La rivista nasce nel 2018 come «Giano. Storia, memoria, ricerca», quadrimestrale di studi storici sul XX secolo, con un interesse specifico per gli anni del secondo conflitto mondiale.
Gli articoli pubblicati, pur rigorosi dal punto di vista della metodologia storiografica, hanno voluto essere di “taglio” divulgativo; raggiungere un ampio pubblico di lettori significa, infatti, per la rivista, contribuire all’educazione ad una cittadinanza attiva e consapevole. La stessa immagine di Giano, il cui capo bifronte guarda contemporaneamente in due direzioni opposte, davanti a sé e dietro di sé, vuole evocare l’assoluta necessità di conoscere il passato per chi voglia ragionare criticamente sul nostro presente.
Nella veste originale (2018-2021), il periodico si è articolato in diverse rubriche, attraverso le quali, pur nel quadro di una rivista di studi storici, sono stati toccati argomenti diversi: la letteratura, il territorio, l’archeologia, l’architettura, il mondo digitale.
«Giano. Storia, memoria, ricerca» ha cercato di essere, dunque, il frutto di un equilibrato compromesso tra una rivista scientifica e una rivista divulgativa, puntando su una larga diffusione agevolata dal formato; il periodico, infatti, è una pubblicazione on-line, open access, facilmente sfogliabile e leggibile da qualsiasi dispositivo telematico fisso o mobile.
Alla fine del 2021, la rivista ha avuto una evoluzione; essa, infatti, è divenuta il periodico di un’associazione -«Giano Public History aps»- che ha l’obbiettivo di promuovere la teoria e le buone pratiche di Public History. Il nuovo titolo, «Giano. Periodico di PH», dunque, ha voluto indicare la volontà di abbracciare una disciplina -ed un network- al quale, negli ultimi anni, si sono avvicinati molti storici italiani.
La Public History mira a incrementare la conoscenza storica diffusa; «Giano. Periodico di PH», quindi, opera per la promozione del sapere storico presso pubblici diversi e alla valorizzazione di pratiche ed esperienze che puntano al coinvolgimento attivo delle comunità (materiali o immaginate). Intende, inoltre, portare a contatto del pubblico il patrimonio storico-culturale e, al contempo, contrastare “l’abuso pubblico della storia”, ovvero le pratiche di mistificazione del passato finalizzate alla manipolazione dell’opinione pubblica.
Nel rispetto della natura partecipata della pratica storiografica richiesta dalla Public History, ai lettori e alle lettrici «Giano. Periodico di PH» chiede di trasformarsi in tanti public historian: di partecipare, cioè, alla vita della rivista, proponendo progetti ed articoli, di promuovere la diffusione della rivista attraverso una rete sempre più grande di utenti, di farsi veicolo, infine, nei rispettivi spazi di vita quotidiana, del buon “uso pubblico della storia”.


Vai alla pagina dei numeri pubblicati ⇒ GIANO Public History. Periodico dell’Associazione di Promozione Sociale GIANO Public History

 


I commenti sono chiusi.